• Collegiale e Selezione Squadre Nazionali Juniores e Seniores FIKBMS WAKO
    • Silvi Marina (PE)
    • 19 giugno 2015 - 20 giugno 2015

    Questo fine settimana si è tenuta la Convention Nazionale FIKBMS nella splendida cornice di Silvi Marina. Un grande ringraziamento e i più sentiti complimenti a tutto lo staff dirigenziale e organizzativo federale che ha saputo infondere un clima di grande unità e coesione tra i vari gruppi delle varie commissioni e specialità.
    Avvenimento particolare e obiettivo delle attività federali sono stati i collegiali di specialità per formare le squadre nazionali che difenderanno i colori azzurri ai prossimi campionati internazionali. La FITAE-ITF era presente con quattro atleti al collegiale di Light Contact presieduto dal DTN Manuel Nordio affiancato dai tecnici Lionello Pedersoli e Michele Sorian. Il lavoro dei tecnici è stato splendido ed interessantissimo da quello tecnico e selettivo del maestro Nordio per passare a quello tattico del maestro Pedersoli per finire con il posturale, atletico e mental training del maestro Sorian. Un'esperienza molto istruttiva per tante conferme e nuove idee sul lavoro fino ad ora svolto.
    I nostri atleti hanno ben figurato facendo bottino pieno essendo tutti selezionati per le varie squadre nazionali raggiungendo così il già selezionato Timothy Bos della ASD N.A.B., campione del mondo in carica, e sono rispettivamente:

    • Davide Messineo - ASD HAWK TEAM - Light Contact senior -84 kg
    • Isabel Battan - COMITATO VENETO MARTIAL ARTS Fight Club Padova- Light Contact junior -60 kg
    • Lucia Holzner - SEMPER PARATUS - Light Contact junior -60 kg
    • Matilde Mori - SEMPER PARATUS - Light Contact cadetti +65 kg
    Un grande in bocca al lupo e un augurio di pronta guarigione va alle atlete selezionate per i collegiali che, per infortunio ed impegni lavorativi, non hanno potuto raccogliere i frutti che meritavano, le bravissime atlete Barbara Santucci, Giorgia Perazzolo e Anna Pinton, sarà per la prossima volta e, come ha detto il maestro Sorian, devono essere fiere di rappresentare i migliori atleti italiani di questa stagione sportiva.
    Da parte mia un grande ringraziamento a tutti i tecnici atleti e genitori del nostro Settore Korean Kickboxing.

  • Intervista ai Campioni: Timothy Bos, Oro Forme 2° Dan Junior, Mondiale ITF Jesolo 2015
    • 19 giugno 2015

    Questa è la volta dell'Azzurro Timothy Bos, a breve maggiorenne ma in categoria Junior fino alla fine del 2015. In Nazionale dal 2012 non ha mai perso un colpo riportando sempre risultati di grande prestigio internazionale sia nelle gare di Taekwon-Do che di Kickboxing WAKO. Lo scorso anno, grazie ai podi conquistati, ha ricevuto il premio FITAE-ITF come migliore atleta dell'anno. L'atleta romano, che si allena nella ASD N.A.B., Campione Mondiale 2013 nel Combattimento Individuale -62 kg, Campione Europeo 2014 Forme Individuali 2° dan e Campione Mondiale WAKO 2014 Light Contact -63kg, torna dal Mondiale ITF 2015 classificandosi come 2° migliore atleta Juniones e con due medaglie che confermano la sua forma:

    • ORO Forme Individuali 2° dan
    • ARGENTO Combattimento Individuale -62 kg
    Di poche parole, ma molti fatti, risponde così ai nostri quesiti:
    1) Da quanto tempo pratichi il Taekwon-Do e come ti sei avvicinato a questa Arte? Quali sono, o sono stati, i tuoi Maestri/Istruttori?
    Sono figlio d'arte e pratico il Taekwon-Do dall'età di 6 anni grazie a mio padre che mi ha trasmesso la sua passione. I miei istruttori sono sempre stati GM Wim Bos e il M° Leandro Iagher.
    2) Quante volte a settimana ti alleni e come riesci a conciliare l'impegno con lo studio, gli amici, la famiglia?
    Mi alleno 4-5 volte a settimana poiché quasi tutti i week-end abbiamo un impegno sportivo, o con il Taekwon-Do o con il circuito della kickboxing FIKBMS. Con lo studio, gli amici e la famiglia è sempre un po' difficile conciliare tutto ma si fanno dei sacrifici e si cerca di ottenere il meglio.
    3) Quali sono per te, ad oggi, i momenti indimenticabili della tua carriera di agonista?
    Nella mia carriera ci sono diversi momenti indimenticabili ma il più bello rimarrà sempre l'abbraccio con mio padre dopo aver vinto la finale dei combattimenti al Mondiale di Benidorm 2013.
    4) Quali sono le sensazioni che si provano nel ricevere una medaglia d'oro al Campionato Mondiale?
    Si è soddisfatti per tutto il lavoro svolto, il sudore, i sacrifici e si è felici di sapere che molte persone sono orgogliose di te.
    5) Cosa desideri per il tuo futuro?
    Per il mio futuro desidero aprire diverse palestre e girare il mondo per fare degli stages.
    6) Quali sono i tuoi programmi agonistici?
    Per questa estate, visto che non ci si ferma un secondo, ho a luglio due ritiri nazionali, uno per la kickboxing e uno per il Taekwon-Do. A fine Agosto parteciperò al campionato europeo di kickboxing WAKO a San Sebastian, in Spagna, e a fine Ottobre al Campionato Europeo AETF in Scozia. Programmi a breve scadenza che richiedono tanto impegno e costanza.
    7) Quale aspetto organizzativo vorresti fosse sviluppato in ambito nazionale ed internazionale?
    Vorrei che la mia Federazione si allargasse e che avesse maggior visibilità sia in ambito nazionale che internazionale.
    8) Cosa diresti ad un tuo amico/amica per invogliarlo ad iniziare la pratica del Taekwon-Do?
    Direi: "Provare per credere". Non riesco a spiegare a parole la passione che ci muove e l'atmosfera che si crea sul tatami.
    9) Vuoi ringraziare qualcuno in particolare oppure raccontare qualcos'altro di te e della tua esperienza in FITAE-ITF?
    Voglio ringraziare in primis mio padre e mia madre che mi seguono sempre, poi il mio Maestro, Leandro Iagher, che mi incoraggia e mi stimola ad andare sempre avanti e tutti coloro che mi danno anche piccoli consigli per migliorare.
    E noi ci auguriamo che anche il percorso di questo giovane Azzurro sia lungo e ricco di successi, in bocca al lupo dunque per la carriera e per il futuro.

  • Sintesi Riunione del Consiglio Federale FIKBMS
    • Silvi Marina (TE)
    • 18 giugno 2015 - 20 giugno 2015

    Pubblichiamo una sintesi della riunione del Consiglio Federale FIKBMS tenutasi a Silvi Marina dal 18 al 20 giugno 2015, durante la quale è stata approvata la stipula di convenzione con il Settore Korean Kickboxing della FITAE-ITF.
    QUI

  • Intervista ai Campioni: Clara Galli e Luca Pecchia, Oro Combattimento Tradizionale Junior, Mondiale ITF Jesolo 2015
    • 17 giugno 2015

    Continuiamo a scoprire i Campioni Mondiali ITF 2015 entrando in contatto con la coppia Clara Galli-Luca Pecchia, i due juniores che hanno vinto il prestigioso titolo mondiale nella specialità Combattimento Prestabilito. L'Italia vanta una notevole tradizione di medaglie in questa specialità grazie alle prestazioni del recente passato della coppia dei Maestri Persia e Vorontsov (argento nel Mondiale 2013) e alla attuale medaglia di argento 2015 della coppia seniores Persia-Di Profio.
    I due ragazzi, nonostante la loro giovanissima età, sono entrambi quindicenni, ed il loro recente ingresso in Nazionale hanno al loro attivo dei risultati di tutto rispetto. A disposizione il curriculum di Clara e quello di Luca.
    Ed ecco le risposte della nostra coppia d'oro che si allenano nella ASD Hwarang Do di Buccinasco (MI):

    1) Da quanto tempo pratichi il Taekwon-Do e come ti sei avvicinato a questa Arte? Quali sono, o sono stati, i tuoi Maestri/Istruttori?
    CLARA: Lo pratico da circa 10 anni. Da piccola non facevo nessun tipo di attività fisica e i miei genitori, dopo aver parlato con un amico di famiglia che ha ricordato loro quanto fosse importante l’autodifesa, hanno deciso di portarmi nella palestra nella quale tutt’oggi mi alleno. Dopo la prima lezione ero un po' riluttante a continuare il corso, ma dalla volta successiva ho cambiato radicalmente idea e mi sono iscritta al corso per bambini dai 6 agli 8 anni. I miei maestri sono stati il Master Orlando Saccomanno e il Maestro Mikhail Vorontsov, per quanto riguarda i miei istruttori invece, ho avuto Martina Villa e Alessandro Pugliese.
    LUCA: Pratico Taekwon-Do da Giugno del 2007. Mi sono avvicinato a questo sport in un modo molto curioso; un giorno mentre uscivo da scuola con mio papà vidi un signore affiancato da un bimbo che distribuivano volantini tutti vestiti di bianco, erano Master Orlando con suo figlio Lucas. Mi diedero un volantino, quando mi accorsi che si trattava di arti marziali subito mi interessai poiché mi piacevano molto fin da piccolo, ma le prove di karate che avevo fatto non mi erano piaciute affatto, al contrario di quelle di Master Orlando e di Martina Villa che saranno, insieme al M° Mikhail Vorontsov, i miei istruttori fino ad ora.
    2) Quante volte a settimana ti alleni  e come riesci a conciliare l'impegno con lo studio, gli amici, la famiglia?
    CLARA: Mi alleno da lunedì al sabato per almeno 1 ora e mezza. Per me non è stato facile all’inizio conciliare la scuola con questo sport che mi occupa buona parte dei pomeriggi ma alla fine, seppur con discreti risultati, sono riuscita ad organizzarmi tra scuola, palestra ed impegni con amici e famiglia.
    LUCA: Ho preso un grosso impegno con il Taekwon-Do, infatti mi alleno circa 5/6 volte a settimana, per un totale di circa 10 ore a settimana. Per me inizialmente è stata difficile conciliare i vari impegni sportivi con lo studio, infatti l'anno scorso non ho avuto grandi successi scolastici perché era più facile per me dedicare più tempo a ciò che amavo veramente. Questa mia scelta (sbagliata), ha indotto i miei genitori a farmi prendere un impegno più serio con lo studio, anche attraverso "ricatti" riguardo al Taekwon-Do. Quest'anno sono riuscito, malgrado il numero più elevato di allenamenti a conciliare tutto, con maggiore impegno e organizzazione. Gli amici a cui tengo di più li ho trovati all'interno della palestra, quindi riesco a vederli agli allenamenti e gli impegni che abbiamo sono quasi sempre gli stessi, ciò ci permette di vederci essendo tutti liberi. La mia famiglia è contenta che io porti avanti questa passione, perché è un ambiente sano dove posso crescere e maturare e, attraverso sacrifici morali ed economici, cercano sempre di appoggiarmi. Li ringrazio davvero molto.
    3) Quali sono per te, ad oggi,  i momenti indimenticabili della tua carriera di agonista?
    CLARA: Sicuramente il più emozionante per me è stato salire sul gradino più alto del podio mondiale. A livello d’importanza, la mia entrata in Nazionale ha cambiato molto la mia carriera da atleta e la mia vita in generale.
    LUCA: Ovviamente il momento più bello vissuto da agonista è stato la vittoria di questo mondiale, quando ho realizzato di essere arrivato sul gradino più alto, una sensazione indescrivibile che auguro a tutti i miei compagni di squadra! Nulla di tutto ciò sarebbe stato possibile se non avessi fatto parte del team azzurro! Infatti il mio primo sogno si era già avverato, far parte di questa grande e bellissima squadra.
    4) Quali sono le sensazioni che si provano nel ricevere una medaglia d'oro al Campionato Mondiale?
    CLARA: Non credo ci siano definizioni che descrivano una gioia e una soddisfazione così grandi, per me, come per Luca, significa aver realizzato uno dei sogni più importanti che abbiamo avuto sin da bambini.
    LUCA: Come ho già detto non riesco a descrivere una sensazione così grande e meravigliosa, per un po' di tempo ho fatto anche fatica a capirlo veramente! L'unica cosa di cui sono veramente sicuro è che sono stati riconosciuti gli sforzi che abbiamo fatto, tra allenamenti giornalieri e ritiri con il team azzurro, tutti i mesi di duro lavoro e le gare, anche non andate a buon fine che però ci hanno portato grande esperienza e ci hanno aiutato ad affrontare meglio il tatami. La sensazione più bella l'ho provata però, appena dopo la vittoria, quando ho abbracciato la mia compagna di gara, Clara, ed il mio maestro, per poi scoppiare in lacrime.
    5) Cosa desideri per il tuo futuro?
    CLARA: Avere la possibilità di continuare la mia carriera agonistica e di raggiungere altri importanti risultati nazionali ed internazionali.
    LUCA: Sinceramente non so ancora bene cosa voglio per il mio futuro, ora faccio una scuola con indirizzo economico sociale e mi interessa molto la psicologia. Più avanti mi piacerebbe molto intraprendere la strada dell'insegnamento, infatti aiuto anche in palestra con i più piccoli e mi piace davvero molto!
    6) Quali sono i tuoi programmi agonistici?
    CLARA: Riconfermarmi in Nazionale e continuare ad allenarmi all’interno del gruppo agonisti della mia palestra.
    LUCA: Sicuramente voglio continuare questa avventura con la nazionale e spero ancora per molto tempo! Continuerò ad allenarmi e ad impegnarmi per vincere ancora e magari anche in altre specialità. Sono molto aiutato perché da quest'anno è stato introdotto in palestra il gruppo agonisti, che aiuta ad allenarci molto meglio e anche in modo mirato per il singolo atleta.
    7) Quale aspetto organizzativo vorresti fosse sviluppato in ambito nazionale ed internazionale?
    CLARA: Io penso che l’organizzazione sia sempre buona, mi sono trovata bene a tutti gli eventi a cui ho partecipato.
    LUCA: Non ho nulla da dire su questo, non sono in grado di dare giudizi in questo aspetto poiché e da poco che sono in questo ambiente.
    8) Cosa diresti ad un tuo amico/amica per invogliarlo ad iniziare la pratica del Taekwon-Do?
    CLARA: Consiglierei loro di venire in palestra a partecipare ad una lezione, cosa che di solito colpisce sempre tutti, soprattutto se si tratta di combattimento!
    LUCA: Inizierei spiegando che il Taekwon-Do va oltre lo sport in sé, infatti insegna sani principi che servono sia sul tatami che nella vita. Continuerei col dire che puoi trovare un ambiente sano dove sfogarsi, divertirsi e tenersi in forma, anche se non fosse interessato alle gare.
    9) Vuoi ringraziare qualcuno in particolare oppure raccontare qualcos'altro di te e della tua esperienza in FITAE-ITF?
    CLARA: Vorrei ringraziare tutti i coaches della Nazionale che seguono con dedizione tutti noi atleti azzurri e che ci invogliano sempre a dare il massimo sul tatami. Desidero però ringraziare in particolar modo i maestri e gli istruttori della mia palestra, che non mi hanno abbandonata neanche nel periodo più difficile, e che mi hanno trasmesso la forza per rialzarmi e dimostrare a tutti quanto valevo.
    LUCA: Per primo voglio sicuramente ringraziare Master Orlando Saccomanno, da sempre il mio Maestro, che ci ha sempre seguiti, i coaches della nazionale che ci hanno allenato e seguito in tutto questo lungo periodo e che soprattutto mi hanno dato la possibilità di partecipare a questo magnifico evento. E infine il M° Mikhail Vorontsov, che ci ha seguiti e aiutati per la coreografia come se dovesse gareggiare lui, come Martina che mi è stata sempre vicina e mi ha accompagnato in tutti questi anni, aiutandomi anche fuori dalla palestra per superare momenti difficili.
    Non ci resta che complimentarci con i due giovani Azzurri ed augurare loro una lunga e scintillante carriera nello sport, così come nella vita.

  • Seminario Tecnico con il M° Massimo Persia
    • Settimo San Pietro (CA)
    • 16 giugno 2015

    Il 16 Giugno si sono svolti due Corsi Tecnici con il Maestro Massimo Persia 5ºDan, atleta plurimedagliato e Capitano della Squadra Nazionale Italiana, a Settimo San Pietro, Cagliari.
    Queste evento è stato organizzato dai Maestri Silvia Farigu e Christian Oriolani della ASD TaeKwon-Do Sardegna.
    Hanno partecipato al corso 55 atleti suddivisi in due gruppi, nel primo i bambini fino a 11 anni ed il secondo dai 12 anni in su.
    Forme, tecnica e Combattimento Tradizionale sono stati il programma dei questi due corsi durante i quali il Maestro Persia ha trasmesso la sua esperienza a tutti gli allievi, mostrando diversi esercizi per migliorare l’equilibrio, la forza, ecc.
    Di tutte le cinture nere presenti, si evidenzia la presenza del Maestro Antonio Palmas e del Maestro Giacomo Danese
    Gli Organizzatori hanno ringraziato tutti gli allievi e il Maestro Massimo Persia, che hanno dimostrato un grande livello, capacità, umilità e passione per quest’ Arte Marziale.